Italiano

Servizio Tributario

Ho acquistato casa: quali dichiarazioni devo fare?
Non c’è l’obbligo della presentazione della dichiarazione ICI in quanto la stipula dell’atto di compravendita assolve anche a questo adempimento. In caso di utilizzo come residenza dell’immobile o di attivazione delle utenze è obbligatorio presentare la denuncia della superficie tassabile ai fini della tassa rifiuti (modulo presente anche in questo sito) entro il 20 gennaio.

Ho ricevuto degli avvisi di accertamento, non ho la possibilità di pagare tutto subito. Posso avere una dilazione di pagamento?
Facendo richiesta al servizio tributi è possibile ottenere, nei casi più frequenti, una dilazione dell’avviso di accertamento ICI fino ad un massimo di sei rate bimestrali sui quali va calcolato il saggio d’interesse legale.

Possiedo un fabbricato in fase di ristrutturazione: come devo calcolare l’ICI?
Dalla data di inizio lavori fino alla data di fine dei medesimi (o se antecedente, alla data di utilizzo del fabbricato) l’ICI va calcolata sull’area fabbricabile, successivamente sulla rendita del fabbricato.

Qual è l’importo minimo del versamento I.C.I.?
12 euro annui.

Sono stati adeguati i valori di riferimento per le aree fabbricabili?
Si, si vedano la tabella con i valori presente in questo sito.

Sono variate le aliquote I.C.I. rispetto all’anno scorso?
Anche per l’anno 2009 le aliquote sono uguali al 2008.

In quali casi va presentata la dichiarazione I.C.I.?
Quando manca o l’atto di compravendita non indica tutti i dati necessari ai fini ICI, si elencano i casi più frequenti: acquisto di area fabbricabile, passaggio del terreno da agricolo a fabbricabile, fabbricato soggetto a ristrutturazione, fabbricato dichiarato inagibile, immobile che ha perso o acquistato la caratteristica della ruralità.